Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeArchivio News 2020Piano anti-Covid, pubblicati gli avvisi per le imprese agricole

Piano anti-Covid, pubblicati gli avvisi per le imprese agricole

Aggiornamento dell’8 giugno 2020 Con decreto dirigenziale n. 129 dell’8 giugno 2020 il termine per la presentazione delle domande da parte delle imprese armatrici di imbarcazioni da pesca e acquicole nell’ambito dell’avviso adottato con decreto n. 97/2020 è stato prorogato alle ore 24.00 del 19 giugno 2020.

 

Aggiornamento del 20 maggio 2020 – Con decreto dirigenziale n. 113 del 20 maggio 2020 è stato rettificato l’avviso pubblico per le imprese armatrici di imbarcazioni da pesca e imprese acquicole adottato con decreto n. 97/2020 (per il testo consolidato dell’avviso clicca QUI).

 

News del 19 maggio 2020 – Con decreto dirigenziale n. 97 del 19 maggio 2020 – che rappresenta la base giuridica nel regime di aiuti SA57349 (per saperne di più clicca QUI) – la Regione Campania ha adottato gli avvisi pubblici per l’erogazione di un contributo a fondo perduto (bonus) una tantum a favore delle imprese agricole, delle imprese dei comparti bufalino e florovivaistico e delle imprese armatrici di imbarcazioni da pesca ed acquicole, in possesso dei requisiti indicati nei rispettivi avvisi, per sostenerle in questa fase di crisi economico-finanziaria causata dalla pandemia da Covid-19.

Gli avvisi danno attuazione alle misure straordinarie a sostegno dell’agricoltura e della pesca previste nel Piano socio-economico per l’emergenza da Covid-19 e dettagliate nella delibera di Giunta n. 211 del 5 maggio 2020 (per saperne di più  clicca QUI).

Con questi avvisi l’Amministrazione regionale mette in campo 70 milioni così ripartiti:

  • 45 milioni per le imprese agricole;
  • 5 milioni imprese armatrici di imbarcazioni da pesca ed acquicole;
  • 10 milioni per le imprese del comparto bufalino;
  • 10 milioni per le imprese del comparto florovivaistico.

Per le imprese agricole, l’importo del bonus una tantum è di 1.500 euro per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali, e di 2.000 euro per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali assuntori di manodopera che, nel 2019, hanno impiegato più di 5 lavoratori lavoratori – operai a tempo determinato (Otd) e a tempo indeterminato (Oti) –  per oltre 510 giornate lavorative complessive.

Per le imprese dei comparti florovivaistico e bufalino nonché le imprese armatrici di imbarcazioni da pesca ed acquicole, l’importo del bonus una tantum è calcolato in base ai criteri stabiliti nei rispettivi avvisi pubblici adottati con decreto n. 97/2020.

Per accedere al bonus le imprese agricole e dei comparti bufalino e florovivaistico dovranno presentare domanda, a partire dal 20 maggio e fino al 10 giugno 2020, alla Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali della Regione Campania esclusivamente per il tramite del Centro autorizzato di Assistenza Agricola (Caa).

Invece le imprese del comparto pesca e acquacoltura dovranno presentare domanda, a partire dal 21 maggio e fino al 9 giugno 2020, all’Ufficio Pesca e Acquacoltura della Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali della Regione Campania.

Non possono accedere al bonus le imprese che si trovavano già in difficoltà (ai sensi del regolamento generale di esenzione per categoria) il 31 dicembre 2019.

Il bonus erogato è cumulabile con tutte le indennità e le agevolazioni, anche finanziarie, emanate a livello nazionale per fronteggiare l’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da “Covid-19”, nel rispetto delle specifiche regole di cumulo dei singoli regimi: in ogni caso, l’aiuto complessivo per ciascuna impresa non potrà superare i 120mila euro per le imprese che operano nel comparto pesca e acquacoltura o 100mila euro per le imprese che operano nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli.

Il bonus sarà concesso entro e non oltre il 31 dicembre 2020.