Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeNewsPrimo PianoProgrammazione 23-27, incontro dell’assessore Caputo con i Gal a Piedimonte Matese

Programmazione 23-27, incontro dell’assessore Caputo con i Gal a Piedimonte Matese

Ieri, 11 gennaio 2023, a Piedimonte Matese, presso la nuova sede del Gal Alto Casertano, si è svolto un incontro tra l’assessore regionale all’Agricoltura, Nicola Caputo, e i rappresentanti dei Gruppi di azione locale (Gal) della Campania.

L’assessore Caputo e la direttrice generale per le Politiche agricole alimentari e forestali della Regione Campania, Maria Passari, sono stati accolti da Manuel Lombardi e Pietro Andrea Cappella, rispettivamente presidente e coordinatore del Gal ospitante.

All’ordine del giorno dell’incontro, si legge in un post pubblicato dall’assessore Caputo su Facebook, “il ruolo dei Gruppi di azione locale nella programmazione 2023-2027 e le Strategie di sviluppo locale che dovranno essere perseguite ed attuate dai Gal campani nell’ambito del quinquennio con le risorse a valere sull’ormai imminente Complemento regionale per lo sviluppo rurale”.

“ll confronto con i Gal – ha ricordato l’assessore – è stato avviato a metà dello scorso novembre con un ciclo di incontri itineranti e continuerà in modo permanente perché dobbiamo portare a termine il percorso volto a trasformare i Gal nel vero braccio operativo della Regione, così da favorire lo sviluppo ed il rilancio dei territori rurali campani. Un percorso di costruzione del nuovo modello di gestione dei Gruppi di azione locale affinché essi fungano da supporto all’azione amministrativa regionale senza duplicare, talvolta anche in maniera concorrenziale, le misure avviate e adottate dalla Regione, con cui deve essere anche rinsaldato il rapporto di reciproca collaborazione”.

“Nel mio intervento – ha concluso l’assessore Nicola Caputo nel post – ho avuto modo di esplicitare i principi che sono alla base della proposta che stiamo elaborando con la collaborazione dell’Università Federico II e che possono essere ricondotti sinteticamente in quattro punti: 1) è necessaria una razionalizzazione dei Gal che tenga conto della omogeneità territoriale; 2) tutti i comuni della Campania classificati nelle aree C e D dovranno essere inclusi nei Gal; 3) la governance dei Gal dovrà assicurare efficienza e competenza; 4) le strategie di sviluppo locale messe in campo dai Gal non potranno prevedere misure attuate direttamente dalla Regione”.

 

Leggi anche