Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeNewsPrimo PianoPsr, Progetto Integrato Giovani: in dirittura d’arrivo la graduatoria definitiva

Psr, Progetto Integrato Giovani: in dirittura d’arrivo la graduatoria definitiva

“Domani (mercoledì 1° settembre, ndr) pubblicheremo la graduatoria definitiva del Progetto Integrato Giovani”. Lo ha annunciato l’assessore regionale all’Agricoltura, Nicola Caputo, con un post pubblicato su Facebook in tarda serata.

“E’ stato un percorso lungo e complesso che finalmente si avvia a conclusione – ha affermato Caputo – Un nuovo nastro di partenza per le politiche giovanili nel settore agricolo”.

Novità in vista anche per il biennio di espansione 21-22 del Psr (per  saperne di più sul periodo di transizione 21-22 clicca QUI), al centro una riunione con gli uffici della Direzione generale per le Politiche agricole, alimentari e forestali per aggiornare i documenti da inviare alla Commissione europea relativamente alle modifiche delle schede di misura.

“Per questo periodo di transizione – ha sottolineato l’assessore – siamo al lavoro per elaborare indirizzi strategici per un Psr innovativo che possa rappresentare anche un primo passo della nuova programmazione 2023-2027, il cui aspetto fondamentale dovrà essere quello di saper leggere le esigenze dell’agricoltura campana e dare risposte alle esigenze degli operatori del comparto”.

In relazione all’incontro dedicato al progetto Basc (acronimo di “Benessere Animale per la Salute dei consumatori. Prodotti zootecnici trattati con presidi sanitari naturali”) finanziato dal Psr Campania 14-20, Caputo ha affermato che “la salute dei consumatori è una questione centrale per noi e l’uso di prodotti zootecnici trattati con presidi naturali va in questa direzione”. “Le misure agroambientali del Psr (misure 10, 11, 13 e 14) – ha aggiunto – corrispondono a circa il 46% della dotazione complessiva dei circa 600 milioni euro del periodo transitorio 21-22”.

Sempre nel biennio di espansione del Psr, l’assessore ha evidenziato che “le misure  dedicate alla zootecnica sono pari a circa 100 milioni di euro per creare biosicurezza nei nostri allevamenti e sostenere la filiera dalla produzione dei mangimi, alla stalla moderna, alla commercializzazione”.