Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeNewsPrimo PianoPsr Campania, bandi: 13,8 milioni per attuare le strategie delle aree pilota “Alta Irpinia” e “Vallo di Diano”

Psr Campania, bandi: 13,8 milioni per attuare le strategie delle aree pilota “Alta Irpinia” e “Vallo di Diano”

Aggiornamento del 17 ottobre 2022 ore 15.00 - Con decreto dirigenziale n. 388 del 14 ottobre 2022 la Regione Campania ha disposto la riapertura del bando della tipologia d’intervento 16.7.1 azione B. Il termine ultimo per la presentazione delle domande di sostegno è fissato al 16 novembre 2022 ore 16.00 (per scaricare la documentazione in formato editabile clicca QUI).
Aggiornamento del 5 settembre 2022 ore 20.00 – Con decreto dirigenziale n. 343 del 5 settembre 2022 la Regione Campania ha disposto il differimento del termine ultimo per la presentazione delle domande di sostegno nell’ambito del bando della tipologia d’intervento 16.7.1 - azione B. Il nuovo termine ultimo per la presentazione delle domande di sostegno è fissato al 30 settembre 2022 ore 24.00.
Aggiornamento del 16 giugno 2022 ore 15.00 - Con decreto dirigenziale n. 255 del 15 giugno 2022 la Regione Campania ha disposto la riapertura del bando della tipologia d’intervento 16.7.1 – azione B. Il termine ultimo per la presentazione delle domande di sostegno è fissato al 5 settembre 2022 (per scaricare la documentazione in formato editabile clicca QUI).

 

Con decreto dirigenziale n. 149 del 15 marzo 2022 la Regione Campania ha approvato il bando dell’azione B “Attuazione della Strategia nazionale per le aree interne (Snai) – Realizzazione degli interventi” della tipologia d’intervento 16.7.1 “Sostegno a strategie di sviluppo locale di tipo non partecipativo” del Psr per le aree pilota “Alta Irpinia” e “Vallo di Diano”.

Attraverso la tipologia 16.7.1 il Psr concorre, in sinergia con altri fondi, al perseguimento degli obiettivi della Strategia nazionale delle aree interne (Snai), rispetto alla quale la Regione Campania ha assunto le proprie determinazioni con delibera di Giunta regionale n. 600 dell’1 dicembre 2014 individuando quattro ‘aree interne’, dette anche ‘aree progetto’ o’ aree pilota’ (“Alta Irpinia”, “Vallo di Diano”, “Titerno-Tammaro” e “Cilento Interno”) attraverso una procedura di istruttoria e selezione pubblica basata su un sistema oggettivo e condiviso di indicatori statistici di contesto (demografici, economici, sociali e ambientali), adottati a livello nazionale.

Per la sua particolare complessità, l’attuazione della 16.7.1 si articola in due fasi distinte: l’azione A e l’azione B.

Con i bandi dell’azione A approvati con i decreti dirigenziali n. 173 del 2 luglio 2018 e n. 154 del 10 settembre 2019, la Regione Campania ha supportato le aree pilota “Alta Irpinia” e “Vallo di Diano” nella costituzione di partenariati pubblico-privati volti all’elaborazione, per ogni area pilota, di una o più strategie di sviluppo territoriale ciascuna delle quali incentrata su una tematica scelta tra le seguenti: supporto alla competitività delle filiere agricole, forestali e zootecniche; promozione e valorizzazione della capacità di attrazione del turismo rurale; salvaguardia degli elementi del paesaggio agro-forestale; tutela e valorizzazione dei prodotti di identità locale; miglioramento dei servizi di base alla persona; valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali; sostegno alla produzione di energia da fonti rinnovabili.

Con le graduatorie definitive pubblicate con i decreti dirigenziali n. 112 del 21 giugno 2019 e n. 33 del 10 febbraio 2020, sono state approvate tre strategie: si tratta di Afai (“Azienda Forestale Alta Irpinia”), Azai (Azione Zootecnia Alta Irpinia”) e Agire (“Agricoltura Innovativa e Resiliente”, inerente alla filiera grano nell’area pilota “Vallo di Diano”).

Sempre in relazione alle aree pilota “Alta Irpinia” e “Vallo di Diano”, con il bando dell’azione B l’Amministrazione regionale si prefigge di finanziare la realizzazione degli investimenti programmati nelle strategie agro-forestali elaborate ed approvate nell’ambito dell’azione A.

Il bando dell’azione B trova, dunque, attuazione nei territori delle due aree pilota “Alta Irpinia” e “Vallo di Diano” e ha una dotazione finanziaria di circa 13,8 milioni di euro, di cui 10 milioni per il progetto Afai, 300mila euro per il progetto Azai e 3,5 milioni per il progetto Agire.

Possono presentare domanda di sostegno le associazioni di partner pubblici e privati delle due aree pilota oggetto del bando che, attraverso la sottoscrizione di un formale accordo di cooperazione, si impegnano a realizzare gli investimenti stabiliti in ciascuna delle strategie di sviluppo approvate con l’azione A della 16.7.1.

Gli investimenti da implementare devono avere caratteristiche assimilabili alle tipologie d’intervento del Psr indicate nella tabella riportata alla pag. 4 del bando.

I progetti di investimento vanno dunque elaborati nel rispetto delle disposizioni dettate dai corrispondenti bandi del Psr, in vigore al momento della presentazione della domanda di sostegno e consultabili sul sito istituzionale del Programma.

In particolare, al fine di poter accedere ai contributi previsti dall’azione B, i richiedenti sono tenuti a rispettare i requisiti soggettivi definiti nei bandi di ciascuna tipologia del Psr di cui alla tabella suindicata.

Ai sensi dell’articolo 35, paragrafo 6, del Regolamento (Ue) n. 1305/2013, il sostegno è erogato sotto forma di sovvenzione globale a copertura sia delle spese per la gestione della cooperazione che delle spese di investimento.

Il termine ultimo per la presentazione, a cura del soggetto capofila del partenariato, delle domande di sostegno sul portale Sian è fissato al 16 maggio 2022.

 

Leggi anche