Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeNewsComunicati StampaPsr, assessore Caputo: “Al lavoro per sostenere il comparto danneggiato dalla crisi energetica”

Psr, assessore Caputo: “Al lavoro per sostenere il comparto danneggiato dalla crisi energetica”

“Raggiunti tutti gli impegni di spesa per assicurare, con le tempistiche previste, la corretta attuazione degli obiettivi prefissati nel periodo di transizione del Psr. Il livello dei pagamenti si attesta al 65,32% a fronte della media italiana è il 60,88%. Abbiamo aperto ben 16 nuovi bandi per un ammontare complessivo di 200 milioni di euro e sono in notevole aumento il tasso dei pagamenti per gli agricoltori. I nostri sforzi sono concentrati per sostenere il comparto agricolo fortemente danneggiato dalla crisi energetica”. Lo ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura della Regione Campania, Nicola Caputo, a margine della plenaria del Comitato di Sorveglianza del Psr svoltasi ieri, 15 dicembre, a Napoli.

Per la Commissione europea sono intervenuti Elsa Laval, Andrea Incarnati e Leonardo Nicolia che, come sottolineato dall’assessore Caputo, “hanno raccolto la nostra proposta di modifica del Psr che, siamo certi, vedrà nel breve la sua approvazione”.

“Abbiamo davanti a noi sfide fondamentali per il futuro dell’agricoltura campana – sostiene l’assessore Caputo – a partire dal nuovo Programma di sviluppo rurale che stanzia per la nostra agricoltura, nel quinquennio 23-27, ben 1,15 miliardi di risorse pubbliche, di cui circa 600 milioni di euro a valere sul Feasr. I primi bandi del nuovo ciclo di programmazione sono destinati agli interventi a superficie e a capo animale, a favore rispettivamente degli agricoltori e degli allevatori che si impegnano ad adottare tecniche produttive più eco-compatibili e sistemi di allevamento più rispettosi del benessere animale”.

“Nelle prossime settimane – prosegue l’assessore regionale all’Agricoltura – si apriranno bandi con una dotazione finanziaria di circa 300 milioni di euro, che sommati agli oltre 200 milioni già messi a bando nel 2022, si traducono in una cospicua disponibilità di risorse a favore del sistema agricolo e agroalimentare campano”.

“Abbiamo proposto – annuncia ancora l’assessore Caputo – cogliendo l’opportunità offertaci dalla modifica del Regolamento (Ue) n. 1305/2013, la nuova misura 22 destinata a bilanciare, almeno in parte, il marcato incremento dei costi di produzione innescato dalla crisi energetica conseguente alla guerra russo-ucraina. Stiamo lavorando per supportare il comparto agroalimentare campano, segnato negli ultimi tre anni dai rilevanti impatti della crisi pandemica e di quella energetica”.

“È stato un confronto franco e costruttivo con i rappresentanti della Commissione europea e i componenti del Comitato di Sorveglianza – conclude l’assessore Nicola Caputo – che ci permette di guardare al nuovo Programma di sviluppo rurale con maggiore fiducia nel raggiungimento degli obiettivi che ci siamo dati.  La Commissione ha sottolineato l’importanza del raggiungimento da parte della Campania di tutti gli obiettivi previsti e l’ottima sinergia con l’Autorità di gestione, che ha presentato la relazione sull’avanzamento finanziario del Programma. Il prossimo anno entrerà nel vivo il lancio del Piano strategico nazionale e il proseguimento della Pac attuale. Ora è fondamentale continuare il lavoro per favorire lo sviluppo rurale, in un contesto geopolitico critico che impatta sull’agricoltura”.

 

Leggi anche