Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeFocusSpecialiPiattaforma Agri-ItaliaAgri-Italia: investimenti e costi ammissibili

Agri-Italia: investimenti e costi ammissibili

Nell’ambito della piattaforma Agri-Italia l’importo del prestito non deve essere superiore al totale dei costi eleggibili dell’investimento (materiale o immateriale).

Investimenti ammissibili

A) Con riferimento alle imprese agricole, a titolo indicativo e ferma restando la necessità di verifica puntuale da parte delle banche sull’effettiva natura dell’investimento, sono eleggibili le seguenti tipologie di investimento:

  • Acquisto di attrezzature e macchinari
  • Costruzione/acquisizione, ristrutturazione/miglioramento di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione dei prodotti agricoli e dell’allevamento provenienti dall’attività aziendale
  • Ristrutturazione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione dei prodotti agricoli e dell’allevamento con utilizzo di materiali da costruzione che migliorino l’efficienza energetica
  • Interventi di miglioramento fondiario (es.: sistemazioni fondiarie e idraulico-agrarie; impianti per culture arboree da frutto)
  • Realizzazione e razionalizzazione di strutture ed impianti per lo stoccaggio e il trattamento dei reflui provenienti dall’attività aziendale, comprese le strutture realizzate con tecnologie volte alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra
  • Impianti per il trattamento delle acque di scarico aziendali
  • Acquisizione di hardware e software finalizzati all’adozione di tecnologie dell’informazione e comunicazione (Tic)
  • Introduzione di attrezzature finalizzate alla riduzione dell’impatto ambientale dell’agricoltura mediante la conservazione del suolo (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione)
  • Adozione di sistemi di difesa attiva volti a proteggere le coltivazioni dagli effetti negativi degli eventi meteorici estremi e dei danni derivanti dagli animali selvatici e a proteggere gli allevamenti dall’azione dei predatori.

B) In relazione alle imprese agroalimentari, a titolo indicativo e ferma restando la necessità di verifica puntuale da parte delle banche sull’effettiva natura dell’investimento, sono eleggibili le seguenti tipologie di investimento:

  • Acquisto di nuovi macchinari e/o attrezzature
  • Costruzione/acquisizione, ristrutturazione/miglioramento di beni immobili per la lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione dei prodotti agricoli
  • Acquisizione di hardware e software finalizzati all’adozione di tecnologie dell’informazione e comunicazione (Tic)

In relazione ad entrambi i casi A) e B), gli investimenti supportati dal finanziamento non devono essere completati o realizzati completamente alla data di approvazione dei documenti comprovanti l’operazione di finanziamento del debito.

Costi ammissibili

Con riferimento agli investimenti eleggibili, sono ammissibili tutti i costi ai sensi dell’art. 45 del Regolamento (Ue) 1305/2013 così come emendato dal Regolamento (Ue) 2393/2017 (Omnibus Agri).

Il finanziamento del debito fornito al beneficiario può coprire nella sua interezza l’investimento fatto dal beneficiario finale ivi inclusi i costi relativi all’IVA.

La spesa da supportarsi con l’operazione di finanziamento del debito deve essere sostenuta dopo la data della richiesta da parte del beneficiario finale della relativa operazione di finanziamento.

Spese NON ammissibili

Le seguenti spese non sono in alcun modo ammissibili:

  • Impianti ed attrezzature usati
  • Investimenti effettuati allo scopo di ottemperare a requisiti comunitari obbligatori
  • Investimenti destinati a semplice sostituzione di impianti ed attrezzature esistenti
  • Acquisto di beni immobili usati che abbiano già fruito di finanziamento pubblico nel corso dei 10 anni precedenti
  • Acquisto di terreni
  • Semplici investimenti di sostituzione
  • Acquisto di diritti di produzione agricola
  • Animali, piante annuali e loro messa a dimora
  • Acquisto di macchinari ed attrezzature per la produzione e la commercializzazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei prodotti lattiero-caseari
  • Impianti fotovoltaici collocati a terra su suolo agricolo
  • Investimenti irrigui come definiti dall’art. 46 del Regolamento (Ue) 1305/2013;
  • Investimenti per la produzione di energia, inclusa la produzione di energia per uso proprio da parte dell’impresa agricola

Settori esclusi

  1. Qualsiasi produzione, commercio o altra attività che sia illegale ai sensi delle leggi o normative della giurisdizione di tale produzione, commercio o attività (“attività economica illegale”). La clonazione umana a fini riproduttivi è considerata un’attività economica illegale
  2. Produzione e commercio di tabacco e prodotti connessi, con l’eccezione dei casi in cui il supporto offerto alle imprese è finalizzato alla diversificazione delle attività (rispetto alla produzione e commercio di tabacco) in attività che non appartengono ai settori ristretti
  3. Produzione e commercio di bevande alcoliche distillate e prodotti connessi
  4. Produzione e commercio di armi e munizioni di ogni tipo
  5. Gioco d’azzardo (case da gioco ed imprese equivalenti)
  1. Relativamente al settore Information Technology/ Ricerca, sviluppo o applicazioni tecniche relative a programmi o soluzioni per dati elettronici
    • specificatamente finalizzati a: sostenere qualsiasi tipologia di attività indicata nella politica del Fondo europeo per gli Investimenti (Fei) sui settori ristretti (di cui ai punti da 1) a 4); gioco d’azzardo su Internet e case da gioco on line; pornografia;
    • destinati a permettere l’accesso illegale a: reti elettroniche di dati; scaricare illegalmente dati elettronici
  2. Relativamente al settore delle scienze umane/ Supporto al finanziamento di applicazioni di studio, sviluppo o tecniche legate: alla clonazione umana a fini di ricerca o terapeutici; agli Organismi Geneticamente Modificati (Ogm).