Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeArchivio News 2019Psr, Caputo: timing rispettato per la tipologia 4.1.1

Psr, Caputo: timing rispettato per la tipologia 4.1.1

“È stata pubblicata la graduatoria relativa al secondo bando della tipologia d’intervento 4.1.1 del Psr 2014-2020″. Lo ha reso noto Nicola Caputo, consigliere delegato all’Agricoltura del Presidente De Luca.

“La tipologia 4.1.1 – spiega il consigliere all’Agricoltura – è una delle più importanti e attese del Psr perché consente l’ammodernamento delle strutture aziendali, rimuovendo gli elementi di debolezza e migliorando le condizioni di redditività e la competitività. Il bando è accompagnato da una dotazione di oltre 64 milioni di euro e sono pervenute oltre 1.700 domande di finanziamento”.

“La pubblicazione della graduatoria della 4.1.1 – aggiunge Caputo – è solo il primo obiettivo raggiunto. Dalla prossima settimana verranno emanati i decreti di assegnazione e, quindi, gli imprenditori agricoli potranno avviare i loro progetti. Un piccolo miracolo reso possibile grazie allo sforzo enorme fatto dall’Assessorato e, soprattutto, dalle strutture provinciali per rispondere al timing che ci eravamo prefissati ed imposto. Grazie!”.

“In queste settimane – spiega ancora Caputo – stiamo dando un’accelerazione importante alle istruttorie di tutte le misure del Psr per dare risposte veloci agli operatori agricoli campani.  Con la pubblicazione della graduatoria della 4.1.1 abbiamo raggiunto un primo importante risultato. Il nostro obiettivo ora, è quello di arrivare, entro la fine di settembre, alla chiusura delle istruttorie relative al Progetto Integrato Giovani” “Intanto – conclude Caputo – abbiamo anche attivato la commissione regionale per la valutazione delle istruttorie relativamente alla tipologia 4.2.1 ‘Trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli nelle aziende agroindustriali’, per la quale ci aspettiamo la definizione della graduatoria regionale entro l’inizio di settembre. Abbiamo anche avviato il lavoro sulla nuova programmazione, che deve essere in grado di saper leggere le vere esigenze del settore e, quindi, di sostenerlo con interventi mirati a favorire innanzitutto l’innovazione, le pratiche ambientali corrette e le agevolazioni per i giovani agricoltori con misure in grado di favorire l’accesso al credito e, soprattutto, l’accesso alla terra”.