Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeNewsPrimo PianoGal e sviluppo locale, il nuovo indirizzo della Regione Campania

Gal e sviluppo locale, il nuovo indirizzo della Regione Campania

Ieri, 21 ottobre 2021, si è svolta, presso la sede dell’assessorato all’Agricoltura della Regione Campania, un’articolata riunione dell’assessore Nicola Caputo con i rappresentanti dei Gal e delle organizzazioni professionali agricole per “un’analisi – si legge sulla pagina Facebook dell’assessore – dello stato di attuazione delle strategie di sviluppo locale attuate nell’ambito del Psr 2014-2020”.

“La riunione è stata molto proficua – ha affermato Caputo nel post – abbiamo riflettuto sul livello di performance di ciascun Gal, sulle iniziative tese al rafforzamento delle strutture tecniche di supporto e, soprattutto, sulla necessità di avviare un percorso di razionalizzazione degli stessi anche in vista dell’attuazione del principio, ormai acquisito, che i Gal non debbano replicare le misure messe in campo dalla Regione, ma piuttosto differenziarsene per meglio rispondere alle esigenze dei diversi territori. Per questa ragione, sia per la programmazione del periodo transitorio 21-22 sia per il futuro Psr 23-27, dobbiamo cambiare approccio e caratterizzare ciascun Gal affinché ognuno di essi diventi realmente un’agenzia di sviluppo locale”.

Nel corso della riunione l’assessore ha proposto e condiviso con i partecipanti la costituzione di un gruppo di lavoro “costituito da cinque membri, in rappresentanza dei Gal delle diverse province, in modo da tracciare un percorso che veda i Gal quali veri animatori dei territori ed attuatori di azioni che rispondano a fabbisogni specifici del proprio territorio, in linea con l’indirizzo politico regionale”.

Caputo ha poi sottolineato che “nel corso della riunione si è discusso della destinazione delle risorse residuali pari ad euro 4.609.666,66 a favore dei Gal più virtuosi, decidendo di confermarne la destinazione per premiare l’efficienza di alcuni di essi come già stabilito con provvedimenti amministrativi di qualche mese fa. Le risorse aggiuntive andranno dunque ripartite tra i Gal virtuosi e si sommeranno alle risorse previste per il periodo di transizione, in modo da concorrere a finanziare le azioni sulla base delle nuove strategie di sviluppo locale che individueremo”.

“Se veramente vogliamo cambiare – ha rimarcato l’assessore – è arrivato il tempo di fare scelte decise, ma anche rigorose e consequenziali alle scelte strategiche regionali. Come già concordato in sede di Comitato di Sorveglianza dello scorso 8 ottobre, il 5,56% del contributo totale del Feasr sarà destinato al programma Leader e allo sviluppo locale di tipo partecipativo di cui all’articolo 4 del regolamento (Ue) 2020/2220, assegnando una quota di risorse aggiuntive pari a euro 16.970.772,56. Parte delle risorse – ha aggiunto Caputo – saranno dedicate a finanziare la preparazione della misura Leader della prossima programmazione anche per migliorare la qualità dei partenariati e della progettazione per la futura strategia di sviluppo locale, limitandola temporalmente alla fase precedente alla selezione della strategia di sviluppo locale”.

“Ho concluso la riunione – ha ricordato l’assessore Caputo – raccogliendo senza esitazione le richieste di proroga in merito ai termini di scadenza per l’ultimazione delle operazioni dei Gal e dell’attività dei beneficiari dei Gal per le tipologie d’intervento 19.2.1, 19.3.1 e 19.4.1. Oggi stesso gli uffici hanno avviato l’iter procedurale per l’emissione del decreto dì concessione delle proroghe” (per gli sviluppi clicca QUI).

Foto tratta da pixabay.com