Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeNewsPrimo PianoUcraina e sicurezza alimentare, le conclusioni del Consiglio europeo

Ucraina e sicurezza alimentare, le conclusioni del Consiglio europeo

Nel corso della riunione del 23 e 24 giugno 2022, il Consiglio europeo ha adottato conclusioni su grande Europa, Ucraina, domande di adesione di Ucraina, Repubblica di Moldova e Georgia, Balcani occidentali, questioni economiche, Conferenza sul futuro dell’Europa e relazioni esterne.

Nel documento il Consiglio europeo “ribadisce di essere fermamente al fianco dell’Ucraina e che l’Unione europea continuerà a fornire un forte sostegno alla resilienza economica, militare, sociale e finanziaria globale dell’Ucraina, anche attraverso l’assistenza umanitaria”.

Sempre nelle conclusioni il Consiglio europeo evidenzia che “usando i prodotti alimentari come arma nella sua guerra contro l’Ucraina, la Russia è l’unica responsabile della crisi della sicurezza alimentare globale che ha provocato”; inoltre “esorta “Russia a smettere immediatamente di prendere di mira le strutture agricole e di sottrarre i cereali, nonché a sbloccare il Mar Nero, segnatamente il porto di Odessa, in modo da consentire l’esportazione dei cereali e le operazioni di trasporto marittimo commerciale” e “sottolinea che le sanzioni dell’Ue nei confronti della Russia consentono la libera circolazione dei prodotti agricoli e alimentari nonché la fornitura di assistenza umanitaria”.

Nel documento si legge anche il Consiglio europeo “sostiene fermamente gli sforzi a favore dei corridoi di solidarietà per agevolare le esportazioni di prodotti alimentari dall’Ucraina attraverso diverse rotte terrestri e porti dell’Ue” ed “invita la Commissione e gli Stati membri, sulla scorta in particolare dell’iniziativa Farm nonché delle iniziative delle Nazioni Unite e del G7, a intensificare i loro sforzi al fine di: 1) aiutare i paesi in via di sviluppo a riorientare, ove necessario, le loro catene di approvvigionamento; 2) accelerare la realizzazione delle pertinenti iniziative faro di Team Europa concordate in occasione del recente vertice Unione europea-Unione africana, che mirano a sviluppare una produzione alimentare sostenibile nonché a rafforzare la produttività agricola, anche per quanto riguarda le colture proteiche, come anche le capacità del settore agroindustriale nel continente africano; 3) adoperarsi, insieme ai partner internazionali, a favore di iniziative volte a sostenere, nei paesi in via di sviluppo, lo sviluppo di capacità di produzione di fattori produttivi, in particolare di fertilizzanti sostenibili”.

Sul fronte delle questioni economiche, il Consiglio europeo “rinnova il suo invito alla Commissione a esaminare insieme ai nostri partner internazionali modalità per contenere l’aumento dei prezzi dell’energia, compresa la fattibilità dell’introduzione di tetti temporanei ai prezzi all’importazione, se del caso” ed “invita la Commissione a proseguire con urgenza gli sforzi volti ad assicurare l’approvvigionamento energetico a prezzi accessibili” di fronte all’uso del gas come arma da parte della Russia.

 

Leggi anche

Foto tratta dal portale del Consiglio