Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeNewsPrimo PianoSuolo: consultazione pubblica sulla nuova strategia Ue

Suolo: consultazione pubblica sulla nuova strategia Ue

C’è tempo fino al 27 aprile 2021 per partecipare alla consultazione pubblica online lanciata nel febbraio scorso dalla Commissione europea per sviluppare una nuova strategia dell’Ue per il suolo (per la versione integrale della nota clicca QUI).

La salute del suolo è essenziale per conseguire gli obiettivi del Green Deal europeo, quali la neutralità climatica, il ripristino della biodiversità, l’inquinamento zero, sistemi alimentari sani e sostenibili e un ambiente resiliente.

La strategia sulla Biodiversità per il 2030 ha annunciato l’aggiornamento nel 2021 della strategia tematica dell’Ue per la protezione del suolo per affrontare in modo globale le criticità legate al degrado del suolo e del terreno e contribuire a raggiungere, entro il 2030, la neutralità in termini di degrado del suolo, vale a dire rendere nuovamente sano tanto suolo quanto ne è stato deteriorato dall’attività umana.

“Un quarto della biodiversità del nostro pianeta si trova nel suolo – ha dichiarato il Commissario per l’Ambiente, gli oceani e la pesca, Virginijus Sinkevičius – Abbiamo letteralmente un tesoro sotto i piedi e il nostro cibo e il nostro futuro dipendono da questo tesoro. Dobbiamo dotare l’Unione europea di una solida strategia per il suolo che ci consenta di raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi in materia di clima, biodiversità e sicurezza alimentare e intensificare gli sforzi per gestire il suolo in modo tale da rispondere alle esigenze dei cittadini, della natura e del clima”.

In particolare, la nuova strategia dovrà puntare a proteggere la fertilità del suolo, ridurne l’erosione e l’impermeabilizzazione ed aumentare la materia organica. Inoltre occorrerà procedere all’individuazione dei siti contaminati, definizione delle condizioni che determinano il buono stato ecologico del suolo e al miglioramento del monitoraggio della sua qualità.

Possono prendere parte alla consultazione pubblica i cittadini, le organizzazioni e tutti i soggetti interessati.

 

Per partecipare alla consultazione clicca QUI