Portale per la comunicazione e la customer satisfaction
HomeArchivio News 2020Aiuti di Stato, agricoltura: la Commissione approva regime italiano da 1,2 miliardi

Aiuti di Stato, agricoltura: la Commissione approva regime italiano da 1,2 miliardi

Con Decisione C(2020) 4977 final del 15 luglio 2020 la Commissione europea ha approvato un regime di aiuti dello Stato italiano da 1,2 miliardi di euro a sostegno delle imprese attive nei settori dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca, dell’acquacoltura e di altri settori correlati colpiti dalla pandemia di Coronavirus.

Il regime di aiuti SA.57947 si colloca nell’ambito del “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del Covid-19″, adottato il 19 marzo scorso ed emendato il 3 aprile, l’8 maggio e il 29 giugno (per approfondimenti sul Quadro temporaneo clicca QUI).

Da una news pubblicata sul portale della Commissione (per la versione completa clicca QUI) si apprende che “il sostegno assumerà la forma di sovvenzioni dirette, anticipi rimborsabili, agevolazioni fiscali e di pagamento, riduzione o annullamento del pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali, cancellazione del debito e altre agevolazioni di pagamento”.

Sempre sul portale si legge che il regime di aiuti “è accessibile alle imprese di tutte le dimensioni attive nell’agricoltura, nella silvicoltura, nella pesca, nell’acquacoltura e in altri settori correlati, come l’agriturismo, la produzione e commercializzazione di prodotti alimentari, il catering e le fattorie didattiche” e che si prefigge di “far fronte al fabbisogno di liquidità di queste imprese e aiutarle a proseguire le loro attività durante e dopo la pandemia”.

L’aiuto non potrà superare i 100mila euro per impresa che opera nel settore agricolo primario, i 120mila per impresa operante nel settore della pesca e dell’acquacoltura e gli 800mila euro per impresa che opera in tutti gli altri settori ammissibili. Ad eccezione delle microimprese e delle piccole imprese, le imprese che erano già in difficoltà il 31 dicembre 2019 non potranno accedere agli aiuti previsti da questo regime.

Il regime di aiuti SA.57947 è previsto nell’art. 222 del decreto-legge n. 34 del 19 maggio 2020 “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19”, che contempla l’istituzione di un “Fondo emergenziale per le filiere in crisi” e poi convertito in legge con modificazioni (legge n. 77 del 17 luglio 2020).